Io sto con Emergency

Sabato 10 aprile militari afgani e della coalizione internazionale sono entrati nel Centro chirurgico di Emergency a Lashkar-gah e hanno arrestato alcuni membri dello staff nazionale e internazionale, tra cui tre cittadini italiani: Matteo Dell’Aira, Marco Garatti e Matteo Pagani, con l’accusa di complotto.
Personalmente credo che questa accusa ai nostri connazionali sia assurda e inverosimile.
Non voglio pensare ad una messa in scena per screditare Emergency, per la sua posizione antimilitarista, però mi viene da fare una riflessione:
Il 20 febbraio 2010 le forze speciali statunitensi hanno indirizzato per errore i loro cacciabombardieri su un convoglio di tre veicoli, uccidendo 27 civili innocenti, tra cui donne e bambini, oltre al ferimento di altri 12.
In quella zona non sono ammessi giornalisti ed Emergency costituisce un possibile e inopportuno veicolo di verità, un disturbo per i “signori delle guerra” perché l’organizzazione umanitaria è involontariamente un segnalibro di quello che succede laggiù.
Fatta questa riflessione auspico che la verità, qualunque essa sia, esca subito e non lasci nessun dubbio su quanto accaduto.
Purtroppo temo che si farà di tutto affinché esca una “mezza verità”, che porterà a casa i nostri cittadini, ma che lascerà un’ombra di legittimo sospetto su quello che è successo e la classe politica italiana su questo è maestra ed il nostro Ministro degli Esteri già si sta muovendo in tal senso.
Quando tutto sarà finito molti diranno, che l’avevano pensato, altri che l’avevano detto, io lo scrivo e se sarò smentito, dirò che mi sono sbagliato, ora dico : “io sto con Emergency“.

Se anche voi condividete questa opinione potete esprimerla qui

2 commenti per Io sto con Emergency

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fammi vedere che non sei una macchina *