Finanziamo la pace

E’ passata quasi inosservata la notizia che lunedì, 24 gennaio 2011, la Camera dei Deputati ha votatao il diciannovesimo rifinanziamento semestrale della missione italiana di guerra in Afghanistan.
Per i 6 mesi di campagna militare che vanno dal 1° gennaio al 30 giugno 2011, è prevista una spesa complessiva di oltre 410 milioni di euro.
In nove anni e mezzo, questa inutile campagna militare ha risucchiato dalle esangui casse dello Stato più di 3 miliardi di euro (maggiori dettagli su siamotuttigiornalisti).
Non una parola, un dibattito, un cenno di ripensamento, un’iniziativa politico-diplomatica, niente.
Il Parlamento vota per l’ennesima volta, quasi all’unanimità, il rifinanziamento della guerra in Afghanistan.
Soldi, altri soldi, solo soldi.
I soldi, che per la guerra si trovano sempre.
Per la scuola, la sanità, le pubbliche amministrazioni, i servizi sociali, sempre meno, continuando a fare con quel poco che c’è.
In TV si balla sempre di più al ritmo del bunga bunga e le notizie delle rivolte popolari nel Magreb fanno da contorno.
Chiediamo al governo di far tornare a casa i nostri soldati e di finanziare la pace.
Queste ragazze che manifestavano per la pace, forse non sono passate inosservate…

3 commenti per Finanziamo la pace

  • vabbè gli impegni internazionali, vabbè l’alleanza Nato, vabbè che dovremmo portare la pace, ma con questa guerra è proprio ora di finirla!

  • Grazie del post, sarebbe ora di smetterla con queste pseudo missioni di Pace.
    Però siamo sempre noi che parliamo quando provo a parlarne con conoscenti o colleghi sembra quasi un tabù.

  • Jeanto

    NON serve a niente richiedere la PACE, e di quello che dice il POPOLO dove ci sono degli interessi con TANTI ZERI, a chi ci dovrebbe governare non frega niente, a loro basta riempire le proprie TASCHE …

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fammi vedere che non sei una macchina *