Amy Winehouse un talento perduto

Il 23 luglio ultimo scorso è morta Amy Jade Winehouse  aveva 27 anni.
E’ stata trovata morta nel suo appartamento a Londra.
Ufficialmente un mix di alcool e farmaci, una overdose qualcuno sostiene.
La cantante oltre che per la sua stupenda voce e il talento, era nota  anche per la sua eccentricità, ma quello che l’ha  tradita è stata la sua vita convulsa e spericolata: depressione, alcolismo e abuso di stupefacenti e un marito sbagliato.
Quello che è successo è stato la conseguenza di tutto ciò.
Una voce inconfondibile, ricorda Janis Joplin e anche un po’ la nostra Giusy Ferreri, le sue interpretazioni coadiuvate anche a livello di scenografia da una band eccezionale si rifanno al  rhythm and blues degli anni ’70, con qualche “spruzzata” di jazz e di rock .
Il suo brano più famoso (Back to Black tratto dall’omonimo album) ha venduto milioni di copie eccolo in una “sofisticata” esecuzione:
Immagine anteprima YouTube

Altri brani di questo album che mi sono piaciuti sono:
You Know I’m No Good
Love is a Losing Game

Tra i vari commenti nel web questo mi è piaciuto:
Un angelo maledetto Amy, con un talento divino e ora tragicamente perduto … riposa in pace anima fragile, ora sei finalmente libera.
A noi resta l’incanto breve e intenso della tua voce magica … per sempre.”

Non solo l’amore è un “losing game”, ma purtroppo lo è anche la vita. Addio Amy.

2 commenti per Amy Winehouse un talento perduto

  • Quello che più mi ha colpito di questa morte è che nessuno del suo entourage non l’ha fermata, una tragedia annunciata da tempo. Peccato, è sempre triste vedere come una persona così giovane abbia terminato così la propria vita.

    Una precisazione è Giusy Ferreri che ricorda Amy …

  • Gasmiro

    “Era solo questione di tempo,sapevo che mia figlia sarebbe morta”, un’amaro commento della madre dopo la morte della figla …
    E’ vero Enrico è morta sola, come probabilmente ha vissuto (non basta avere tanta gente intorno per non sentirsi soli).
    Nessuno ha aiutato Amy a cambiare il suo destino è morta “sola” dopo una lunga agonia di solitudine.

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Fammi vedere che non sei una macchina *